Our webstore uses cookies to offer a better user experience and we recommend you to accept their use to fully enjoy your navigation.

Desiderio boutique dal 1966

Da 50 anni la boutique Desiderio è sinonimo di prestigio ed eleganza

Desiderio 1966Desiderio oggi

La boutique Desiderio inizia il suo esordio il 1966 con Michele Desiderio, fondatore di una boutique uomo nella centralissima città di Canosa di Puglia, segnando così il passaggio da un tipico negozio di tessuti ad una boutique di proposta maschile.

Verso la fine degli anni 70, dopo essersi trasferito in via Kennedy, oggi la strada commercialmente più significativa della città, si accentua l’ascesa della sartoria maschile con la realizzazione di centinaia di capi su misura divenendo così, ben presto, un riferimento per la clientela raffinata ed attenta al proprio stile.

La lunga tradizione sartoriale della boutique Desiderio, associata ai più grandi brand, contribuisce a caratterizzare gli anni 80. 

Gli anni 90, invece, segnano il passaggio generazionale. Infatti, nel 1993, dopo l’ampliamento della boutique grazie ad un locale adiacente ed angolare, avviene l’ingresso dei figli Antonio e Rosa con cui ha inizio l’avventura della moda femminile, segnato dall’apertura nel 1997 di un reparto donna attiguo ed in sintonia a quello maschile.

Finalmente un percorso fondato sulla tradizione si evolve traendo forza dalla creatività della moda uomo-donna.

Oggi la libertà creativa senza tempo e senza età si racchiude in un solo messaggio “MODA MADE IN DESIDERIO”, proponendo capi tra i migliori brand, conciliando contemporaneamente innovazione e funzionalità.

Per la cerimonia, la boutique Desiderio, offre all’uomo la possibilità di seguire le linee sartoriali avendo la possibilità di realizzare e personalizzare abiti su misura di alta sartoria.

Lo sposo Desiderio è sempre una figura di stile e semplicità dettata dal particolare.

L’intera superficie commerciale si presenta oggi con uno spazio vendita di circa 300 Mq con 5 vetrine espositive di 3 Mq cadauna ad angolo e con due diverse entrate divise in uomo e donna all’interno comunicati.